Mihajlovic si affida alla doppia coppia

Riccardo Orsolini, 23 anni.

Tomiyasu-Orsolini a destra, Dijks-Sansone a sinistra: il tecnico, per provare a battere la Juve, torna dove aveva cominciato 9 mesi fa

E Mihajlovic, per battere una Juve che da allenatore ha sconfitto una sola volta in carriera (in sella al Catania), si affiderà dopo 9 mesi anche alla doppia coppia: Tomiyasu-Orsolini a destra, Dijks-Sansone dall’altra. Cosa scontata? Mica tanto: perché l’assenza di Dijks dal 22 settembre scorso ha di fatto scombussolato i piani del tecnico serbo che già dalla quinta partita di questo campionato ha dovuto cambiare, trasformare, adattare e cambiare ancora.

VENTI MILIONI —   Il “rewind” è presto detto e fatto: dopo aver subìto una botta al costato nel primo tempo contro la Roma, Mitchell Dijks, l’olandese volante, è costretto a lasciare il campo. È il 22 settembre 2019, ovvero esattamente nove mesi fa: da quel momento, per colpa di un pestone rimediato in allenamento che gli costa un edema all’illice del piede destro, l’ex Ajax esce dai campi e anche dall’Italia per andarsi a curare in Olanda. Per Mitchell (detto “Il Trattore”) è un bruttissimo colpo, per il Bologna (che poi lo multerà per una intervista non autorizzata all’ex giocatore Van der Meyde) pure perché per quel ragazzone promettente aveva – un mese prima – rifiutato ben venti milioni da parte del Milan (che poi virò su Theo Hernandez).

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *