Roma, Veretout imprescindibile per Fonseca. Ma il Napoli non molla…

Jordan Veretout, prima stagione alla Roma. Lapresse

Il centrocampista francese è il giocatore di movimento schierato in più occasioni dal tecnico giallorosso. In estate, però, gli azzurri torneranno alla carica, sfruttando la fame di plusvalenze del club capitolino

Una doppia partita, fuori e dentro il campo. È quella che aspetta Jordan Veretout da qui alla fine della stagione, lui che adora le sfide e non vorrebbe perdere mai neanche con le due amate figlie, Kaylie e Aalyah. E sarà così anche questa volta, con Fonseca che lo tiene in grandissima considerazione per il presente e per il futuro e il Napoli che sta lì, pronto eventualmente a sferrare l’attacco sul mercato.

IN CAMPO—   Veretout finora è stato il giocatore più utilizzato in assoluto da Fonseca. Non nei minutaggi assoluti, ma nel numero di partite. Il francese, infatti, è stato scelto dal portoghese in 34 occasioni, al pari del solo Pau Lopez, che però fa il portiere ed è una scelta quasi naturale. Tra i giocatori di movimento, invece, nessuno ha giocato le partite di Veretout, gli si sono avvicinati i leader Kolarov e Dzeko (per entrambi 32 gare a testa) e poi Gianluca Mancini, con 31 partite. Questo, sostanzialmente, vuol dire che Fonseca ha una fiducia infinita in Veretout, che poi di fatto è l’unico giocatore da box to box che ha a disposizione il tecnico portoghese. Corre, tampona, pressa e riparte. Un centrocampista moderno, di quelli che in una squadra pesano come macigni. Perché se c’è da difendere Jordan c’è sempre, esattamente come quando c’è da offendere. Lui è lì, pronto a dare una mano. Ecco perché nelle 14 partite che mancano da qui alla fine (soglia minima, tra le 12 di campionato e le due di Europa League contro il Siviglia) è facile che Veretout continui a giocarne più di tutti. Indispensabile, lo definirebbe qualcuno.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *