Inter, dai prestiti quattro bonus. Ma Icardi…

Inter, dai prestiti quattro bonus. Ma Icardi...

MILANO – Rebus prestiti. Anche questa è una conseguenza del coronavirus. Campionati bloccati, assoluta incertezza su quando e, soprattutto, se riprenderanno, ma, almeno per il momento, restano alcune scadenze, come appunto quelle per esercitare il riscatto dei prestiti. In genere sono fissate quando l’attività dei club si è conclusa, quindi tra la fine di maggio e l’inizio di giugno.

Già, ma allora cosa accadrà quest’anno? Ad esempio, se di decidesse di andare oltre il naturale limite del 30 giugno per arrivare a completare la stagione, verranno anche posticipati i termini per i riscatti? Impossibile dare adesso una risposta. Ma si può già prevedere che certe valutazioni potrebbe cambiare, nel senso che, anche per un discorso economico, alcune società potrebbero rinunciare ad acquistare un calciatore, al di là del suo rendimento sul campo.

Il problema investe anche l’Inter, che ha 4 elementi “pesanti” in prestito: pesanti nel senso che hanno cifre di riscatto importanti e, quindi, destinate ad incidere in maniera significativa sul bilancio. In cima alla lista, ovviamente, c’è Icardi, seguito poi da PerisicJoao Mario e Lazaro. In aggiunta, ci sarebbero anche Nainggolan e Dalbert, che, però, sono andati, rispettivamente, a Cagliari e Fiorentina in prestito secco. Quindi, nel loro caso non ci sono limiti temporali da rispettare e ogni discorso verrà affrontato nei tempi più opportuni.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *